Giornata mondiale della fibromialgia

Giornata mondiale della fibromialgia

Il 12 maggio si tiene la seconda Giornata Mondiale della Fibromialgia, in Italia ne soffrono più di 2 milioni di persone, 9 pazienti su 10 sono donne, in una fascia di età fra i 25 e i 55 anni, anche se dati più recenti denunciano il doppio delle persone colpite.

E’ una sindrome da sensibilizzazione centrale, caratterizzata dalla disfunzione della percezione, trasmissione e processazione del dolore, con prevalenza a livello dell’apparato muscolo-scheletrico. In particolare, chi ne è colpito presenta un’alterazione a livello del sistema nervoso centrale e periferico, che amplifica le sensazioni dolorose (o ne riduce l’inibizione), influenzando il modo in cui il cervello elabora i segnali di dolore. I sintomi a volte iniziano dopo un trauma fisico, un intervento chirurgico, un’infezione o un significativo stress psicologico. In altri casi, i segni della fibromialgia si accumulano gradualmente nel tempo, senza alcun singolo evento di attivazione evidente